Archivio di gennaio 2013

PostHeaderIcon PETIZIONE PER MISURE URGENTI SULLA TARES

Chiediamo a quanti condividono le nostre proposte di modifica al comma 35, di nessun impatto sulla copertura finanziaria, di partecipare alla petizione proposta dal Gruppo Tares affinchè il governo si impegni con misure urgenti ad eliminare gli effetti dirompenti provocati dagli ultimi emendamenti approvati in aula.

Gli emendamenti proposti, non si sa da chi e con quali obiettivi, e la relativa approvazione non vanno certo nella direzione di aiutare nè  i cittadini contribuenti nè  le Aziende e i Comuni che devono applicare e gestire questo nuovo tributo.

Vi preghiamo quindi di scrivere nella sezione commenti “Approvo” nel caso foste daccordo con i contenuti di seguito proposti (in grasseto le parti in aggiunta, in barrato quelle da eliminare).

Le nostre proposte naturalmente non si esauriscono qui e ci teniamo a informarmi che il gruppo Tares lavorerà per far riscrivere l’impianto stesso della legge e del relativo regolamento con l’obiettivo di fornire ai soggetti gestori norme pienamente applicabili e sostenibili.

Un sentito ringraziamento

I coordinatori del Gruppo Tares

——————————————————————————————————————————–

PROPOSTE DI MODIFICA AL COMMA 35

——————————————————————————————————————————-

(2° capoverso)   Il versamento del tributo, della tariffa di cui al comma 29 nonché  e della maggiorazione di cui al comma 13 può essere e’ effettuato, in deroga all’articolo 52 del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, secondo le disposizioni di cui all’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, nonché, tramite apposito bollettino di conto corrente postale al quale si applicano le disposizioni di cui al citato articolo 17, in quanto compatibili.

(5°capoverso) Il versamento del tributo, della tariffa di cui al comma 29 nonché e della maggiorazione di cui al comma 13 per l’anno di riferimento è effettuato in quattro rate trimestrali, scadenti nei mesi di gennaio, aprile, luglio e ottobre.

(7° capoverso) Per l’anno 2013, il termine di versamento della prima rata è comunque posticipato a luglio, ferma restando la facoltà per il comune di  anticipare o posticipare ulteriormente tale termine.

PostHeaderIcon Bocciati gli emendamenti presentati

Tutti gli emendamenti presentati alla Camera dei Deputati circa la proroga dell’entrata in vigore della Tares al 1/01/2014 ed altre forme di applicazione dell’imposta “servizi indivisibili” sono stati dichiarati inammissibili a causa della constatata mancanza di copertura finanziaria.

PostHeaderIcon Presentati altri emendamenti alla Camera dei Deputati

Sono stati presentati nuovi emendamenti alla Camera dei Deputati. La maggior parte di essi prevedono la proroga dell’entrata in vigore della Tares al 1/01/2014. Altri emendamenti invece prevedono un’applicazione differenziata dell’addizionale “servizi indivisibili”, che in questo modo sarebbe imposta  ai soli soggetti passivi già individuati dall’art. 14 che non erano tenuti al versamento dell’IMU.

PostHeaderIcon PRIMA RATA TARES AL 1 LUGLIO 2013

Dopo la presentazione e l’approvazione all’unanimità di un emendamento presentato in commissione Ambiente che richiedeva la proroga della Tares al 1 luglio 2013, c’è stata la bocciatura da parte della commissione Bilancio.
Si è raggiunto poi un “accordo” per proporre in aula lo slittamento a Luglio per il pagamento della prima rata.
La proposta è stata approvata in aula.

Il comma 33 dell’art. 14,  al settimo capoverso, così come approvato nell’ultima finanziaria recita:
“Per l’anno 2013, il termine di versamento della prima rata è comunque posticipato ad aprile, ferma restando la facoltà per il comune di posticipare ulteriormente tale termine.”

Che bisogno c’era di discutere e approvare un insignificante punto già previsto dalla norma licenziata giusto qualche settimana fa?

Un cordiale saluto a tutti
Gaetano Drosi

PostHeaderIcon La Tares c’è. Il Gruppo Tares anche!

Gentilissimi,

auguro intanto a tutti voi un sereno e proficuo 2013.
La Tares c’è! Tra mille difficoltà è d’obbligo comunque rispettare l’impegno per cui ci eravamo costituiti come Gruppo e quindi ripartiamo con nuove attività.

In riferimento a quanto di nuovo emerso per la Tares all’interno dell’ultima finanziaria, con la presente vi inviamo il testo vigente della norma.

Chiediamo la vostra disponibilità a indicare tempestivamente dubbi, criticità, richiesta di chiarimenti, ecc, che provvederemo a raccogliere, sintetizzare e a proporre sotto forma di quesiti ai Ministeri interessati e all’Agenzia delle entrate.

Vi preghiamo, visto il poco tempo a disposizione, a inviarci i vostri quesiti nel più breve tempo possibile e comunque entro questa settimana.

Come gruppo, subito dopo, organizzeremo un incontro per valutare l’impatto di questa versione della norma, proporre modifiche al Regolamento e soprattutto arrivare a chiarire i tanti punti ancora oscuri che costituiscono fonte di variegate quanto pericolose interpretazioni.

Un cordiale saluto a tutti e a presto.

Gaetano Drosi

PostHeaderIcon pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge di stabilità 2013

E’ stata pubblicata la legge di stabilità 2013 che accoglie gli emendamenti annunciati in precedenza all’art.14 del decreto-legge 6.12.2012 n.201. Gli emendamenti si trovano al comma 387 della legge 24 dicembre 2012 n.228 .

Simple Calendar