CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA: chi inquina paga

Questa domanda di pronuncia pregiudiziale pervenuta alla Corte di Giustizia europea verte sull’interpretazione del principio «chi inquina paga» e dell’articolo 14, paragrafo 1, della direttiva 2008/98/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 novembre 2008, relativa ai rifiuti e che abroga alcune direttive (GU 2008, L 312, pag. 3). Tale domanda è stata presentata nell’ambitoLeggi tutto

Condividi:

Pubblicate le Linee Guida per l’utilizzo dei fabbisogni standard nella TARI

Il Dipartimento delle Finanze ha recentemente pubblicato le “Linee guida interpretative per l’applicazione del comma 653 dell’art. 1 della Legge n. 147 del 2013” per supportare gli Enti che nel 2018 si misureranno con la prima applicazione della nuova disposizione. In particolare, si forniscono elementi che possono guidare gli Enti locali nella lettura e utilizzazioneLeggi tutto

Condividi:

BANDO: Responsabile ODV Organo di vigilanza

PAYT Italia seleziona una risorsa da inserire nel proprio organico in qualità di Responsabile ODV Organo di vigilanza. La risorsa verrà coinvolta nelle attività dell’associazione, prendendo parte alle discussioni e scelte decretate nel corso degli incontri tra i membri del Direttivo e delle assemblee degli associati PAYT, facendosi garante del codice etico dell’associazione definito dall’Leggi tutto

Condividi:

La posizione di ANCI – IFEL sullo schema di decreto sull’assimilazione dei rifiuti speciali non pericolosi ai rifiuti urbani

Si è svolto lo scorso 9 novembre 2017 presso la Fiera ECOMONDO di Rimini il Convegno sul tema “Tariffa Puntuale e smart city: l’innovazione tecnologica a supporto della PA per il raggiungimento dell’equità fiscale”, nel corso del quale, Davide Donadio, consulente Fondazione IFEL, ha presentato la posizione di ANCI – IFEL sullo schema di decretoLeggi tutto

Condividi:

Una regolazione complessa: l’assimilazione dei rifiuti urbani agli speciali

Come è noto  il D.lgs  n. 152, Parte IV e, in particolare, l’articolo 195, comma 2, lettera e) attribuisce allo Stato la “determinazione dei criteri qualitativi e quali-quantitativi per l’assimilazione, ai fini della raccolta e dello smaltimento, dei rifiuti speciali e dei rifiuti urbani.” Mentre l’articolo 198, comma 2, lettera g), del medesimo decreto stabilisceLeggi tutto

Condividi: