PostHeaderIcon Il dott. Ghiringhelli di PAYT Italia a SUM 2016 – 3° Simposio sull’Urban Mining e sulla Circular Economy

12274547_1093829550628898_1198899463676460739_nIl 24 maggio 2016 il dott. Giorgio Ghiringhelli – consigliere del “Consiglio Direttivo di PAYT ITALIA-, rappresenterà l’associazione con la sua partecipazione all’evento SUM 2016 che si terrà dal 23 al 25 maggio 2016 a Bergamo, presso il Monastero di Sant’Agostino.

Il Simposio sull’Urban Mining, giunto alla 3° edizione e organizzato da International Waste Working Group, affonda le proprie radici sul concetto dell’Urban Mining e sulla necessità di guardare oltre la raccolta differenziata e l’attuale approccio basato sulla responsabilità del consumatore, con maggiore recupero di risorse e migliore qualità, con maggiore tutela dell’ambiente, con il coinvolgimento della responsabilità dei produttori, con minori costi per la collettività. In particolare, il dott. Ghiringhelli interverrà come chairman alla sessione dal titolo Nuova tariffazione come incentivo alla circular economy (SESSION D4 – aula 2 – Aula 2 09:00 – 10:40) in cui si focalizzerà l’attenzione sulla continua evoluzione nell’ultimo ventennio dell’ordinamento legislativo per finanziare le spese e i costi dei servizi pubblici per la gestione dei rifiuti urbani e per far fronte a esigenze quali: copertura dei costi, garanzia di incasso, rispetto delle direttive comunitarie e incentivazione delle azioni virtuose.

Si farà menzione alla bozza di Decreto Ministeriale con cui il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare si propone di definire i criteri per la realizzazione da parte dei Comuni di sistemi di tariffazione puntuale, con il fine di attuare un modello tariffario commisurato al servizio reso a copertura integrale dei costi del servizio. La bozza di questo Regolamento delinea gli elementi distintivi di quella che dovrà essere la futura tariffa puntuale o corrispettiva ovvero: criteri per la realizzazione di sistemi di misurazione puntuale della quantità di rifiuti, requisiti minimi dei sistemi di misurazione puntuale , sistemi di identificazione (delle utenze), misurazione diretta della quantità di rifiuto, misurazione presuntiva, determinazione dei conferimenti da parte di utenze aggregate.

Per approfondimenti è possibile consultare la sezione dedicata alla sessione del SUM 2016 a questo link.

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Simple Calendar